martedì 25 giugno 2013

La bugia della paura e la verità della gioia

"Perché ho paura? Non riesco ad accettare me o le situazioni per come sono".

Non è strano che tu senta paura, perché come società viviamo constantemente nella paura.

Quello che ci viene detto e ripetuto constantemente è che è bene che abbiamo paura, perché questo ci farà sentire al sicuro. Ci viene detto e ripetuto che essere liberi è pericoloso. Il punto è che tutto questo è un'enorme bugia. Siamo sempre e già del tutto liberi e non abbiamo alcun bisogno di avere paura. E' solo l'ignoranza di ciò che siamo che mantiene questo gioco e lo alimenta, perpetuando la bugia che quello che siamo è qualcosa di fragile e di separato dal resto del mondo. La bugia è che tu sia solo questo corpo/mente, quando invece questo esso è solo uno strumento, uno strumento bellissimo di percezione, ma non è la nostra più vera essenza.

La paura di essere separati e confiniti e limitati e quello che crea tutto il meccanismo di controllo che vedi nel mondo: ci fa male, ci ferisce perché non è vero di noi. La cosa più paradossale è che la nostra paura è solo a sua volta una sensazione intensa da cui scappiamo constantemente. Abbiamo paura di avere paura e questo ci intrappola sempre di più in un mondo di dolore e limitazione. Se è possibile restare presenti a questa paura solo sentendola scoprirai che essa è la tua stessa gioia contratta. Nel sentirla, nell'abbracciarla, essa si dissolve e ciò che resta è pace.


Non hai bisogno di avere paura, puoi attraversarla, sentirla e scoprire che ti riconnetterai atttraverso di questo con la tua infinita pace e libertà, cose che sono GIA' vere di te. Non siamo educati alla gioia, ma alla paura e quindi non è strano che non sia facile all'inizio. Ma è possibile che questo spostamento di vivere dalla gioia e non più dalla paura accada in un istante, anche adesso.

Se senti conflitto, non hai bisogno di accettare tutta l'esistenza, ma solo questo istante. Se davvero puoi abbracciare questo istante, allora avrai abbracciato anche tutta l'esistenza perché tutto quello che esiste è solo questo istante. E questo istante. E questo istante. Inizia ora a uscire dal paradigma della paura scoprendo che è solo un'illusione.

Shakti Caterina Maggi

2 commenti:

Piero Bernassola ha detto...

Ieri, la "situazione" non era disperata, ma piero pensava che lo fosse [...].
Oggi, la "situazione" è disperata, ma Piero lo è sempre meno[...].

p.s.
appena mi sarà possibile, non ora, ti invierò una riflessione sul tema della "mia paura", e su come si stia trasformando, in qualcosa di sempre meno consistente...di non-vero insomma :-) Piero Bernassola

Piero Bernassola ha detto...

Ieri,
la "situazione" non era disperata, ma Piero "pensava" che lo fosse
Oggi, la "situazione" è disperata, ma Piero lo è sempre meno.
Appena mi sarà possibile, ti invierò alcune riflessioni sulla "mia paura", che sono il frutto di un lavoro,di una vita intera.
Grazie